L’incontro con Serena

Il gruppo imboccò la nuova strada, sbucando dopo pochi minuti nei resti di una fattoria, distrutta tempo prima da un incendio. La magia di Altairon gli permise di percepire la presenza del male: l’intera fattoria ne era impregnata. Si avvicinarono prudentemente alla casa, Aramil e Morion in testa, e quando giunsero nelle vicinanze il vento portò loro un forte odore di putrefazione: vi era qualcosa dietro alla fattoria…

Aggirarono le rovine della casa, e raggiunsero il retro: qui si trovarono dinanzi a uno spettacolo disgustoso: vi erano otto pali piantati nel terreno. Cinque erano occupati dai corpi senza vita dei consiglieri scomparsi, probabilmente uccisi poco dopo essere stati catturati. Iniziarono quindi a fare congetture sul perché ci fossero solo più tre pali liberi, quando i consiglieri rimasti erano quattro. Torak giurò di fare giustizia per questo orribile crimine (testuali parole: appena trovo chi ha fatto questo, lo squarto!).

Decisero di seppellire i corpi, e iniziarono a tirarli giù dai pali, quando una voce femminile giunse loro dalla foresta, e una ragazzina di circa 13-14 anni, dai capelli neri e dall’altezza simile a quella della femmina di lupo mannaro, uscì dagli alberi.

Di quello che venne detto, non faccio il riassunto. Metto il nome della ragazza, visto che durante il discorso venne fuori:

TORAK: Se scopro chi ha fatto questo, lo squarto!

SERENA: Davvero volete squartarci?

WORLAND: Chi diavolo sei?!?

ALTAIRON: Tra qualche minuto, se non ti dispiace. Prima vorrei dar pace a questi poveretti e poi scambiare due chiacchiere.

TORAK: certo che lo farò, andassi dritto da Moradin?

SERENA: Poveretti? Chi sono io? E voi chi siete, che vi intromettete in cose che non vi riguardano?

ALTAIRON: Torak, vieni a darmi una mano. ORA! – disse mentre continuava a tirar giù i corpi. Torak, con malavoglia, andò ad aiutarlo. Altairon sussurrò al nano – aspetta un pò ci serve sapere perchè sta facendo tutto questo. non penso che avremo altre occasioni. lasciamola parlare.

WORLAND: Sai com’è, è nostro compito purificare il male che aleggia nei dintorni per quanto ci è possibile.

SERENA: purificare il male? Interessante. E dove si trova il male?

WORLAND: da quel che sembra, in ogni dove di questo posto. e poi torturare così la gente non può che essere malvagità allo stato puro

SERENA: chi giudica sarà giudicato.

WORLAND: ci giudicheranno le nostre divinità.

SERENA: l’insegnamento di St. Cuthbert dice che i malvagi vanno puniti. Siete d’accordo con questo?

ARAMIL: la punizione è sbagliata a priori.

ALTAIRON: Si, abbastanza, anche se la punizione deve essere paragonabile alla colpa. per meritare questa morte cosa ti hanno fatto?

SERENA: allora perché proteggete i consiglieri?

WORLAND: una persona è innocente fino a prova contraria per quello che mi riguarda. e comunque non si infligge in un modo così barbarico.

ALTAIRON: perchè li vuoi morti? per quanto ne sappiamo noi non hanno colpe, anzi sono oggetto di attacco di creature malvagie. quindi difficilmente per adesso sono nel torto

SERENA: hai perfettamente ragione. Per quello che ne sapete voi…

WORLAND: se un villaggio isolato dal resto del mondo viene attaccato da un branco di lupi mannari è nostro compito andare a vedere perchè

ARAMIL: cosa sai tu che noi non sappiamo?

SERENA: noi non abbiamo attaccato il villaggio. Noi attacchiamo alcuni abitanti del villaggio.

ALTAIRON: allora vuoi dirci cosa ti hanno fatto per meritare questo? potresti avere ragione nel punirli, ma cosi senza un’accusa sei tu che rappresenti il male

WORLAND: tra l’altro ritengo malvagio clonare all’infinito una persona morta o viva che sia

SERENA: Cosa hanno fatto? Guardati attorno.

ALTAIRON: siamo in una fattoria bruciata…

WORLAND: cioè vorresti dire che sono stati loro ad appiccare l’incendio a questa fattoria?

SERENA: hai indovinato. Dopo essersi assicurati che fossimo tutti chiusi dentro, ovviamente…

TORAK: tutti chi?

SERENA: tutta la mia famiglia. Io, mio padre, mia madre e mio fratello…

WORLAND: e perchè l’avrebbero bruciata <deglutisce> con voi dentro? Tra l’altro tu saresti uno spirito??

ARAMIL: perché mai avrebbero fatto questo?

SERENA: chiedilo a loro, non siamo andati a chiedergli spiegazioni quando siamo scappati. E no, non sono uno spirito.

WORLAND: glielo chiederemo…

TORAK: quindi hai agito per vendetta?

ARAMIL: non immagini dei motivi per i quali hanno fatto ciò?

ALTAIRON: come ti chiami? Come facciamo a chiedere di questa casa se non sappiamo a chi apparteneva?

SERENA: Il mio nome è Serena Larson.

ARAMIL: Quando hanno eliminato la tua famiglia?

SERENA: Se immagino i motivi? Certamente. Rufus ha scoperto che eravamo lupi mannari, e glielo ha riferito. I miei genitori sono stati uccisi sei mesi fa.

ARAMIL: Prima hai detto: “Noi attacchiamo alcuni abitanti del villaggio”. Cosa intendevi per “noi”?

SERENA: intendo noi. Io e mio fratello.

WORLAND: si saranno spaventati e pagheranno, ma come mai mandate contro solo lo stesso rufus? Già 5 volte da quando siamo qui noi e soprattutto come fate?

ALTARION: quindi voi avete attaccato Rufus e lo avete reso simile a voi. Questa punizione mi sembra giusta. quello che non capisco è perchè vi siete stupiti della reazione del villaggio.

SERENA: Rufus è lo strumento della nostra vendetta. Abbiamo vagato per mesi tra queste montagne, non sapendo cosa fare. Alla fine, abbiamo trovato un modo per vendicarci. Poi dite che pagheranno. Come?

ALTAIRON: da quello che ho capito, tu e la tua famiglia non avete mai attaccato il villaggio o qualcuno dei suoi abitanti. Ora però mettiti nei panni della gente del villaggio: vivere con la consapevolezza di avere per vicini dei lupi mannari, deve essere stato terribile per loro

WORLAND: vedremo cosa ci racconteranno e poi agiremo di conseguenza, non certo ammazzandoli però

SERENA: mettermi nei panni degli abitanti del villaggio? Prova a metterti nei NOSTRI panni, UMANO! Prova a pensare di svegliarti nel cuore della notte, mentre le fiamme divampano nella tua casa. Prova a pensare di trovare la porta e le finestre sbarrate, mentre fatichi a respirare e il calore è terribile. Prova a pensare di assistere alla morte dei tuoi genitori, che si sacrificano per permetterti di fuggire. ORA parlami della paura che hanno provato!

TORAK: come hai fatto a sopravvivere se tutte le uscite erano bloccate?

SERENA: mio padre è riuscito a sfondare una finestra. Dall’altra parte c’erano loro, con le torce e l’olio. Siamo scappati dalla finestra, mentre gli assassini uccidevano i nostri genitori. Ora vivono nella paura? Bene.

ARAMIL: Mi dispiace per te. Però prova a metterti nei panni dei bambini del villaggio che non hanno più notti serene, proprio loro che dovrebbero vivere sereni come avresti dovuto fare anche tu…

SERENA: restano tre pali. Quando avremo finito, andremo via.

ALTAIRON: posso chiederti come trascorrevate le notti di luna piena?

SERENA: cacciando orsi tra i monti.

WORLAND: come fate a ricreare sempre Rufus? E’ un incantesimo molto potente che solo certi maghi e stregoni malvagi sono in grado di fare

ALTAIRON: quindi siete in grado di controllare i vostri istinti animaleschi. scusa il termine ma non saprei come altro chiamarli

SERENA: come facciamo è un nostro segreto.

ARAMIL: se ci dici questo segreto potremo aiutarti meglio…

WORLAND: ti ho detto che interverremo perchè paghino il giusto fio delle loro colpe

SERENA: aiutarmi? E come vorreste aiutarmi? Proteggendo degli assassini?

ARAMIL: prima di tutto, ti vorrei aiutare a trovare la pace con te stessa.

SERENA: davvero? E come farete si che paghino? Noi non abbiamo prove di ciò che hanno fatto.

ALTAIRON: analizziamo assieme la cosa: vediamo se quello che abbiamo capito e dedotto coincide con la realtà.

WORLAND: Consegnandoli alla monarchia perchè vengano condannati per esempio

SERENA: Sarebbe la parola di due lupi mannari contro la loro.

WORLAND: non possiamo permettervi che facciate questo sfacelo per gusto di orrido e vendetta. Le prove le possiamo cercare noi.

ALTAIRON: se ciò che penso è corretto allora penso che potreste essere vendicati e accettati dal resto del villaggio. ma per fare questo devo essere sicuro di aver capito bene la storia. posso riassumerla? mi dirai se ci sono errori o incomprensioni.

SERENA: fai pure…

ALTAIRON: allora voi siete una famiglia di lupi mannari che ha deciso di stabilirsi in questa zona e di vivere in pace con questa gente. lo fate da parecchio tempo e fino a quando Rufus non vi ha scoperto tutto è andato bene. Quando rufus lo ha scoperto e riferito alla gente del villaggio gli abitanti e i consiglieri, presi da paura e follia, hanno assalito e distrutto la vostra casa e ucciso la tua famiglia.

SERENA: un’inesattezza: solo i consiglieri e pochi altri sapevano la verità. Solo loro hanno agito. E solo loro verranno puniti.

ALTAIRON: tu e tuo fratello siete riusciti a fuggire e avete vagato per mesi alla ricerca di un modo per vendicarvi. Un giorno avete trovato Rufus e vi siete vendicati trasformandolo in uno di voi. Quindi utilizzando parti del suo corpo avete creato un piccolo esercito di lupi per attaccare il villaggio e vendicarvi. Fino ad ora avete colpito 5 consiglieri. e a giudicare dai pali ritenete che uno dei restanti non ha colpa. Bene, posso sapere i nomi di coloro che sapevano la verità oltre i consiglieri e da quanto tempo la tua stirpe vive in questa zona? e di coloro che volete punire?

SERENA: A grandi linee, la storia è quella. La mia famiglia vive qui da quasi venti anni.

WORLAND: Sai da quanti anni esiste il Villaggio?

SERENA: non ne ho idea. Secoli, comunque.

ALTAIRON: se questa è la storia allora penso di poter punire i colpevoli anche se per fare questo avrò bisogno dell’aiuto di tutti voi

WORLAND: ha più anni di voi….

SERENA: perchè, ti sembravo cosi vecchia?

WORLAND: non tu la tua stirpe poteva aver preso residenza qui da prima di loro. se possiamo porre fine a tutta questa sofferenza ti aiuteremo molto volentieri

SERENA: e come pensate di fare? se andremo al villaggio, ci uccideranno.

WORLAND: non credo che dobbiate venire al villaggio voi, ma puoi concederci un po’ di tempo per cercare di risolvere la questione senza ulteriori inutili spargimenti di sangue. tu avrai al massimo 15 anni e non puoi continuare a soffrire così.

ALTAIRON: non vi voglio portare. almeno non da soli. vorrei che veniste tu e tuo fratello con una decina di Rufus, tra cui se ancora possibile quello vero, a parlare con noi in questo luogo tra 4 giorni.e fino ad allora dovrete sospendere gli attacchi al villaggio. da quello che ho capito sui rufus avete il controllo completo e per voi costituirebbero una guardia del corpo perfetta. inoltre in questo luogo potremo rievocare la vicenda che vi vede coinvolti e far emergere il senso di colpa per quello che vi è stato fatto

SERENA: per quel che riguarda il vero Rufus, è stato il primo a morire. quanto al resto, cosa pensate di risolvere in quattro giorni? pensate davvero che gli assassini verranno divorati dai sensi di colpa?

ALTAIRON: vorrei sapere che cosa pensa la gente dei larson e della loro fine

SERENA: pensa che sia stato un incendio. pensa che sia stata una tragedia, a cui non è sopravvissuto nessuno. Sono anche stata a vedere la mia tomba, nel cimitero. hanno messo una bella lapide, niente da dire… comunque, sono curiosa di vedere cosa risolverete.

ALTAIRON: appunto per questo e se si scoprisse che qualcuno è sopravvissuto e può lanciare delle accuse? comunque penso che si possano suscitare i sensi di colpa: pensi che questo sia reale? – dicendo queste parole invocò la magia, facendo apparire un’immagine di Serena…

SERENA: Vi concedo i quattro giorni di tregua.

WORLAND: se ci dici i nomi dei colpevoli li potremmo riunire e ne parleremo, se hanno messo in giro questa voce ci interessano solo loro

SERENA: restano solamente i tre consiglieri. Da quello che sappiamo Ulfgar è innocente.

WORLAND: perchè allora avete picchiato a sangue il ragazzo che stava sulla palizzata?

SERENA: esagerati… Marcus gli ha solamente dato un pugno sul naso. dovevamo tramortirlo, per allontanarci.

WORLAND: lo ha curato Altairon

ALTAIRON: è vero. posso confermarlo. un colpo solo

SERENA: forse ha usato troppa forza, ma non volevamo fargli troppo male. Randy non aveva nessuna colpa.

WORLAND: allora scusami, non sapevo questo. Ora guarda cosa possiamo fare con i nostri poteri.

SERENA: carino.

WORLAND: soprattutto utile.

ALTAIRON: pensa cosa succederebbe se invece di te e tuo fratello comparissero i pseudo fantasmi dei tuoi genitori? e se lo facessero alcune nel villaggio? lanciando là le loro accuse? allora quale sarebbe la reazione della gente? non pensi che chi ha delle colpe sulla coscienza comincerebbe a sentirne il peso?

SERENA: degli spiriti che entrano nel villaggio? La gente chiamerebbe i sacerdoti, Kira e Ulfgar.

WORLAND: oppure i consiglieri potrebbero rivivere sulla loro pelle la tua sofferenza di allora.

SERENA: come già vi ho detto, avete i quattro giorni che avete chiesto. ma attenzione: ora che siete giunti voi a difendere i consiglieri, le cose sono cambiate. se non risolverete voi la situazione, lo faremo noi

WORLAND: Serena, ancora una cosa oltre a voi e ai rufus ci sono altri lupi mannari? in che senso scusa? perchè dici, “ora che siete giunti voi”?

SERENA: a parte io e mio fratello, non ci sono altri lupi mannari. siete stati in grado di uccidere i nostri sicari, quindi siete pericolosi per noi. non agiremo più colpendo un bersaglio alla volta. Se attaccheremo nuovamente, lo faremo in forze.

WORLAND: solo che noi soprattutto uccidiamo per difesa. difficilmente per vendetta, mai per puro divertimento.

ALTAIRON: un’ultima cosa, se riesco a convincere la gente allora posso contare sul vostro aiuto per difendere la gente del villaggio da eventuali guai futuri?

SERENA: Noi non potremo comunque restare qui, dopo che questa storia sarà finita.

ALTAIRON: perché?

SERENA: la prima volta che qualcuno cadrà in un precipizio, saremo stati noi a buttarcelo. Se qualcuno si perderà nella foresta, lo avremo sbranato noi. Non è divertimento il nostro, è giustizia.

WORLAND: in effetti, può avere ragione. Può darsi, ma quell’accanimento contro i corpi mi sa ben poco di giustizia.

ALTAIRON: capisco. avrete sempre la spada della colpa addosso. eppure se penso che avete a vostra difesa 20 anni di pacifica convivenza potreste riuscire a vivere qui con tranquillità

Nel frattempo, Aramil restava immobile, mentre un paio di lacrime sottili gli scendevano sul volto. Worland rinfoderò la sua scimitarra, provando a immaginare la sofferenza che Serena aveva dentro di se.

ALTAIRON: se volete deciderete voi il dopo.

SERENA: questione di punti di vista. Noi vogliamo che sia fatta giustizia. Se riuscirete a farla per noi, non sentirete più parlare di noi. Ma quei tre devono essere puniti.

Aramil si avvicinò lentamente a Serena…

SERENA: non ti avvicinare!

ARAMIL: Hai paura di me, Serena?

SERENA: Non ho motivi di fidarmi di te.

ALTAIRON: allora se per voi va bene direi di fissare qua un appuntamento tra 4 giorni. nel bene e nel male. e se come penso riusciremo a convincere la gente del villaggio della vostra innocenza allora il giorno prima dell’appuntamento mi vedrete tornare qua

SERENA: se mi sono fatta vedere, era solo per farvi capire da che parte state.

ARAMIL: Se faccio qualcosa di pericoloso ti do il permesso di uccidermi se vuoi, ma non avere timore.così dicendo Aramil si avvicinò ulteriormente alla ragazza.

SERENA: Non so quanto sei pericoloso, elfo. Quindi stammi lontano!

WORLAND: o lui o uno di noi.

Aramil gettò a terra le armi, i papiri e il suo libro degli incantesimi…

ARAMIL: ora non posso farti niente, nemmeno volendo… – così dicendo si avvicino ulteriormente. Serena indietreggiò.

ALTAIRON: Aramil, fermati. non è ancora il momento di mostrare la tua pietà. è naturale che non si fidi. penso che lo potrai fare tra 4 giorni.

Aramil prese il suo arco, un papiro vuoto e una freccia, e li posò davanti a Serena.

ARAMIL: Se avrai bisogno di aiuto o se vuoi dirmi qualcosa tira questa freccia verso di me e io arriverò più veloce che posso.

WORLAND: lasciala andare…

SERENA: quello che vi dovevo dire, ve l’ho detto. Ora sta a voi. – detto questo, la ragazza rientrò nel bosco.

ALTAIRON: lasciale li. Saprà dove cercarle, se le serviranno. Adesso decidiamo come comportarci, mi sembra che la situazione sia chiara.

Krystal si posò sulla spalla di Aramil, e lo abbracciò mentre entrambi lasciavano cadere le loro lacrime al suolo. Dopo di ciò, Aramil prese il papiro e scrisse: “Non lasciarti alla malvagità perché questa ti si rivolgerà contro e allora niente, neppure la più dolce delle vendette,  potrà liberarti dal tuo dolore.Fatto ciò rimise il papiro insieme all’arco, si alzò e tornò assieme ai suoi amici.

WORLAND: quanta sofferenza dentro i suoi occhi velati dall’odio. – disse il druido dopo essersi affiancato a Shintlara, quando Serena era già rientrata nel bosco. Dopodichè andò a cercare tracce che provassero il racconto di Serena.

ALTAIRON: siamo stati mandati qui per difendere il villaggio e fermare gli attacchi dei lupi. abbiamo scoperto le cause delgi attacchi e sappiamo come fare per fermarle. resta solo da decidere come farlo. se possiamo impedire che due innocenti vengano uccisi mentre sono in cerca di una giusta vendetta, allora siamo in obblicìgo di farlo

WORLAND: capisco sia lei che loro, spero solo che i consiglieri si pentano di quanto hanno fatto, ma se vedrò che lo avranno fatto solo per malvagità, la mia vendetta sarà inesorabile, non si può condannare a tanta sofferenza una bambina solo perchè di una razza diversa, anche se generalmente pericolosa

ALTAIRON: ma dobbiamo anche assicurarci che nessuno del villaggio abbia a soffrire nel caso in cui fallissimo.

WORLAND: già, se i colpevoli dovranno pagare lo faranno solo loro

ALTAIRON: per prima cosa proviamo a parlarne con Ulfgar. inoltre direi di indagare su cosa pensa la gente del comportamento generale che tenevano i Larson

WORLAND: per lo meno non ci son in mezzo i Signori del male anche se resta il dubbio di come facciano a riprodurre Rufus

SHINTLARA: questa è una bella domanda.

ALTAIRON: quello potremo forse scoprirlo alla fine di questa storia in caso di esito positivo.

WORLAND: io direi di parlare prima con gli altri per capire chi sono veramente

ARAMIL: Bene!

WORLAND: boh mi sembra che le tue idee generalmente sono più prossime alla verità, decidiamo come agire

ARAMIL: Allora affrettiamoci a risolvere questo problema.

ALTAIRON: penso che anche ulfgar fosse presente quando rufus ha fatto il suo rapporto. eppure credo che si sia opposto all’atto criminoso

ARAMIL: si è possibile. Forse è meglio parlare prima con lui…

WORLAND: ed il villaggio cosa ne avrà pensato, da quello che diceva Serena erano presenti solo gli 8 consiglieri. Dai resti della fattoria non possiamo ricavare nulla

ARAMIL: propongo di andare al villaggio e di parlare in primis con Ulfgar magari la suà versione è quella che meglio corrisponde alla verità.

SHINTLARA: se la storia è vera, i consiglieri hanno avuto mesi per cancellare le tracce.

WORLAND: Sei mesi. Se lo hanno fatto è un punto a loro sfavore, per quello che mi riguarda. Vorrebbe dire che sapevano di essere nel torto e hanno messo in giro quella storia.

ALTAIRON: shin, tu che segui Elistrae, sei forse la più adatta a indagare sui sensi di colpa della sacerdotessa di ST. Culbert: con la scusa di voler capire bene la filosofia di quella divinità potresti chiederle come si dovrebbe comportare in una ipotetica situazione come quella di 6 mesi fa

SHINTLARA: ci proverò…

ALTAIRON: prova a vedere cosa ne dice: per esempio se andresti punita per principio per essere una drow senza aver prima scoperto se hai fatto delle azioni malvage

WORLAND: Shintlara, ci riuscirai.

SHINTLARA: lo spero

ARAMIL: ……

ALTAIRON: io e Morion andremo a parlare con il borgomastro, per cercare di capire come si sente lui. Aramil, tu indagherai con Torak presso Ran, e la sera andremo tutti insieme a parlare con Ulfgard.

ARAMIL: va bene…

WORLAND: va bene, io però farei anche qualche domanda tra gli abitanti su cosa pensano dei lupi mannari e su cosa sanno dei Larson.

ALTAIRON: cercate di farvi un’idea di quello che provano per questa storia. Ma non aggrediteli, cercate la diplomazia più che la forza.

ARAMIL: puoi contarci, Altairon.

WORLAND: ricordiamoci che secondo Serena loro gli abitanti sanno solo che si è trattato di un incidente, e di nuovo è un punto a svantaggio dei consiglieri

ALTAIRON: dovremo anche decidere cosa dire sulla nostra passeggiata. abbiamo perso le tracce e siamo andati a cercare rufus?

WORLAND: Da Rufus ci possiamo andare, non è poi molto lontano da qui. diremo che hanno portato ad una fattoria bruciata dove dietro c’erano i corpi dei consiglier rapiti, senza specificare che sono stati torturati.

ALTAIRON: Non ha tanto senso andare la, ormai.

WORLAND: Forse no.

ALTAIRON: anzi andiamoci. forse troveremo un diario o qualcosa del genere, o una prova di quello che provava lui dopo il fatto

WORLAND: ripeto non siamo lontano ci vuole poco, mentre per tornare al villaggio ci vogliono almeno 3 ore

ALTAIRON: andiamoci, allora.

ARAMIL: si.

WORLAND: andiamoci.

ALTAIRON: sono curioso di sapere che fine ha fatto sua moglie

WORLAND: invece il corpo del vero Rufus sarà nel loro rifugio tra le montagne

ALTAIRON: probabile.

WORLAND: Andiamo, prima risolviamo questa questione prima possiamo tornare a Free Haven

L’incontro con Serenaultima modifica: 2009-08-29T10:46:34+02:00da paolo61175
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento