Una gita tra i monti 14

 

In seguito, entrarono nel santuario di Acqua. Varcata la porta, si trovarono in una breve galleria che li condusse a un grande lago sotterraneo, illuminato da sfere luminose, dalle acque stranamente agitate, dove si manifestò lo spirito elementale. Quando Altairon chiese ad Acqua come curare la Bestia, la risposta dell’oracolo fu che per guarire la Bestia dalla sua follia occorreva rigenerare i Pilastri, e che per rigenerare i Pilastri l’ultimo rimasto tra gli antichi guardiani, la Bestia stessa, doveva morire. Un’alternativa poteva essere trovare un sistema per rigenerare i Pilastri, ma nemmeno l’Oracolo conosceva un sistema per fare ciò: la loro magia era troppo antica anche per lei. Forse Ariel avrebbe potuto avere una risposta…

Ebbero inoltre una risposta ad una delle loro domante: il Signore dei Pilastri, nominato nella profezia di Ariosto, è un custode che prese su di se i poteri dei Pilastri, quando la Bestia fu esiliata, per impedire che quel potere andasse disperso.

Lasciata anche Acqua, tornarono nuovamente nella biblioteca. Mentre il resto del gruppo si dirigeva verso il santuario di Terra, Aramil rimaneva ad esaminare il contenuto della stanza…

 

Entrati nel santuario, si trovarono dinanzi ad un cratere pieno di rocce e terra in perenne movimento. Dal cratere emerse una colonna, che terminava con la parte superiore di una donna, fatta però di pietra.

Terra, interrogata sulla profezia, disse loro che la speranza era portata da un Titano senza nome, un non morto giunto da un’era remota, che ora si trovava in un villaggio distrutto nella foresta.

Shintlara e Torak, ascoltando le parole dell’oracolo, compresero che l’oracolo parlava del mostro che avevano incontrato tempo prima a Timberton.

Nel frattempo Aramil, mediante i suoi incantesimi, cercava di prendere il Grimorio di Eritrius dal suo leggio…

 

Tornati nella biblioteca, Aramil decise di lasciar temporaneamente perdere il libro, e si diresse con i suoi compagni nel santuario di Fuoco. Entrarono in una grande sala, al centro della quale si trovava una pozza da cui si levavano alte fiamme. Nella stanza faceva caldo…

Dalle fiamme emerse una donna fatta solamente di fuoco, che osservò il gruppo.

Alle lamentele di Torak sul calore nella stanza, Fuoco replicò che dinanzi ad un portale con il Piano del Fuoco non poteva fare freddo…

Altairon chiese all’Oracolo cosa significava la profezia sulla Morte che portava la Speranza, e Fuoco rispose che il Titano portava con se qualcosa che avrebbe dato speranza. Quando il chierico chiese come comunicare con il Titano, o almeno come calmarlo, rispose che era difficile comunicare con un essere tanto antico, ma che un buon inizio poteva essere evitare di gettargli sassi e boccette d’acqua santa sulla testa…

Poi Altairon chiese dove si trovava Ubaldo, e Fuoco rispose che per trovarlo dovevano indicargli la strada per tornare indietro, e che il loro viaggio li avrebbe condotti lungo i sentieri che lui aveva già percorso. Ubaldo, secondo Fuoco, aveva percorso un cammino che lo avrebbe portato ad essere presente quando le nebbie si sarebbero dissolte completamente. Vi era però un ostacolo dinanzi a lui: la vecchiaia. E lo ha superato perdendosi…

Ma la notizia peggiore la ebbero da una precisazione che Xiras chiese, riferita alle parole che usò l’oracolo, dicendo che ci sarebbero voluti ancora nove anni prima che le nebbie si dissolvessero completamente. Le nebbie avevano già cominciato a dissolversi, e le creature più deboli che erano imprigionate dall’altra parte avevano cominciato a uscire!

Secondo Fuoco, solamente la Lupa Rossa poteva ricreare l’incantesimo che generò le nebbie, ma non era lei la speranza che cercavano. La Lupa Rossa era Stirba, la prima lupa mannara, ma ora è lontana, forse in altri mondi o in altri tempi, e comunque oltre la loro portata. Solamente il Titano di Timberton portava con se la speranza…

Infine lasciarono anche l’ultimo oracolo, e decisero di dedicarsi al Grimorio di Eritrius…

 

Una gita tra i monti 14ultima modifica: 2010-02-06T14:30:00+01:00da paolo61175
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento