Una gita tra i monti 16

 

Il loro cammino proseguì per circa dieci minuti nella galleria, quando dinanzi a loro videro la luce del sole. Spuntarono in una piccola valle incastrata tra i monti, solamente un’altra galleria al capo opposto della stessa permetteva di proseguire. Al centro della valle si trovava un basamento di marmo bianco, su cui si trovavano sette pilastri. Sei di questi, dal colore bianco, erano spezzati. Il settimo, quello centrale, era integro ma annerito. Ai piedi del basamento si trovava uno scheletro umano, abbandonato lì da epoche remote…

Il gruppo si avvicinò ai Pilastri, preparandosi psicologicamente all’eventuale battaglia contro uno spirito di un’era antica. Shintlara si chiese se la luce del sole sarebbe stata una protezione contro di lei, ma la sua teoria venne subito delusa dall’apparizione, tra i Pilastri, di una figura femminile fluttuante e traslucida, che si muoveva di profilo. Quando udì il suo nome pronunciato da Worland, lo spirito si girò mostrando l’altra metà del suo viso. Un teschio…

 

Quando Altairon chiese come guarire dalla follia l’ultimo Guardiano, Ariel si infuriò accusando la Bestia di essere un traditore e la causa della distruzione dei Pilastri.

Altairon chiese quindi allo spirito di raccontare la sua storia dall’inizio:

 

IL RACCONTO DI ARIEL

Io sono l’inizio. Mi trovavo qui, quando venni assassinata da un Demone. Laggiù potete vedere le mie ossa…

Io era la custode del Pilastro dell’Equilibrio, e alla mia morte colui che era destinato a divenire il mio successore non era ancora pronto a ricoprire il suo ruolo.

Il mio amato, Nuproptor, il Custode del Pilastro della Mente, giunse qui poco dopo la mia morte. La vista del mio cadavere lo fece impazzire. E, a causa dei suoi poteri mentali, la sua follia e il suo dolore si trasmisero a tutti i Custodi, anche al nuovo Custode dell’Equilibrio.

Quando il mio sostituto, guidato dal suo destino, giunse qui, io lo incaricai di rigenerare i Pilastri, ponendo fine all’esistenza degli altri Custodi. Lui lo fece, ma quando venne il momento del suo sacrificio, lui rifiutò condannando i Pilastri al declino. Lui è coloro che conoscete come la Bestia, Kain il vampiro, Kain il traditore!

Dopo che passarono secoli, Kain venne esiliato in un’altra dimensione, ma così facendo il potere dei Pilastri si sarebbe perso. Fu così che venne creato un Guardiano per quel potere, che lo mantenesse per i nuovi Custodi. Quel Guardiano è colui che conoscete come Signore dell’Equilibrio, ed è stato lui a contattavi. Fu scelto trai mortali dalla stessa Ariel, tra coloro che non avrebbero abusato del potere concesso.

 

Altairon chiese allo spirito perchè la Bestia fu esiliata, invece di essere distrutta, ma Ariel non sapeva rispondere, poiché gli atti della Lupa Rossa, Stirba, non le erano comprensibili.

Per affrontare Kain, occorrevano comunque armi e magie potenti, e a loro spettava il compito di trovarle…

 

Ariel accettò di aiutarli a contattare il Signore dell’Equilibrio, dicendo che avrebbe fatto si che li contattasse in sogno.

 

PS: il racconto di Ariel e della caduta dei Custodi riprende la storia del videogioco Legacy of Kain: Soul Reaver.

Una gita tra i monti 16ultima modifica: 2010-02-28T17:48:00+01:00da paolo61175
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento