Le Terre Selvagge 10

Mentre Alemon cercava informazioni sulla palude, Altairon e Aramil si impegnarono nella creazione di pergamene magiche per affrontare la missione nel migliore dei modi.

Il resto della giornata trascorse tranquillamente, e all’alba il gruppo raggiunse il cortile, dove Kalia stava controllando l’equipaggiamento.

La cobolda consegnò loro l’equipaggiamento che aveva procurato: tra questi vi erano sei fiale di “fuoco alchemico”, tre fiale di “forza del leone”, cinque fiale di “distillato di sangue di troll” e ben dieci fiale di “Infuso di guarigione minore”. Inoltre aveva portato alcune armature fabbricate dagli elfi della Foresta Nera, originali armature di cuoio elfico, leggere ed adatte all’uso della magia.

Altairon prese l’armatura, trovandola comoda e pratica, e testandola lanciando un semplice incantesimo, rendendosi conto che riusciva ad attingere al potere magico necessario molto più facilmente.

Mentre esaminavano il loro equipaggiamento, sentirono un rumore proveniente dal cancello, e un grosso carro senza cavalli entrò nel cortile, emettendo dal tetto una nube di fumo. Kalia disse che quella era la loro guida per raggiungere la palude e dal carro, che nel frattempo si fermò a pochi metri da loro, scese una nana dai capelli biondi, che indossava una corazza di piastre.

La nana, che si presentò come Ilde, caricò le casse sul veicolo, che chiamava Carro a vapore.

Shintlara uscì dal castello, per salutare gli amici e per raccomandar loro di fare attenzione nel loro viaggio nella palude.

 

Dopo i saluti, il gruppo salì sullo strano veicolo, e la nana Ilde lo mise in moto. Il gruppo fece una breve sosta presso un erborista locale, dove acquistarono del repellente per zanzare, poi ripreserò il loro viaggio. Durante il viaggio Ilde disse loro che le paludi di Vorador erano un luogo pericoloso, dove la magia, che scorreva potente e liberamente, aveva dato vita a creature pericolose. Secondo Ilde in quelle paludi si trovavano bestie simili a zanzare, ma lunghe trenta centimetri, che si attaccavano alla vittima e cominciavano a succhiargli il sangue. Oltre, naturalmente, a coccodrilli, serpenti ed altri rettili pericolosi, presenti in tutte le paludi…

 

La nana chiese loro chiarimenti sulla missione, dicendo che le era stato solamente detto che doveva scortarli alle Paludi di Vorador e riportarli indietro.

 

Il viaggio verso le paludi proseguì per tutto il giorno, mediante lo strano veicolo. Il carro a vapore viaggiava veloce, più o meno come un buon cavallo, ma senza stancarsi.

Era quasi il tramonto quando giunsero alla soglia della palude.

Worland e Altairon fecero un rapido esame preliminare alla zona, mentre gli altri si occupavano di allestire il campo attorno al carro.

La palude cresceva rigogliosa, tra pozze d’acqua e tratti asciutti. Nonostante le storie che venivano raccontate su quel luogo, nulla lasciava supporre che fossero così pericolose come si raccontava.

 

Le Terre Selvagge 10ultima modifica: 2010-05-27T10:00:00+02:00da paolo61175
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento