Il Wisterton 3

 

Elizabeth disse che non sapeva chi fosse entrato, visto che ai vampiri non era più possibile varcare le porte del castello. Torak chiese alla ragazza cosa fosse il Wisterton, ma questa rispose che solamente Alessandro conosceva la natura del mostro, dato che fu lui a imprigionarlo nel castello.

Elizabeth disse loro che era necessario entrare negli alloggi privati del vampiro Ventrue, e di catturare l’intruso, poiché muoversi la sotto era troppo pericoloso, dato che c’era il rischio di risvegliare il Wisterton.

Re Richard chiese ad Elizabeth se sapeva dove sorgeva il castello, e la giovane vampira rispose che il nascondiglio del castello era un inganno. Prima che Arthur Ironfist uccidesse il Signore dei Vampiri, era lo stesso Ventrue a governare su Free Haven. Era quindi Ventrue a sedere sul trono della città, quindi il Castello di Ventrue era il Castello Reale di Free Haven, e quello su cui sedeva Richard Ironfist era il trono di Ventrue. Il Re, sentendo la notizia, si alzò di scatto. Aramil rimase senza parole, e Torak chiese com’era possibile, visto che nel castello non era entrato nessun altro.

Elizabeth spiegò che i sigilli si riferivano ad una zona sotterranea del castello, nascosta da secoli a chiunque. In quell’area si trovavano gli alloggi privati di Ventrue, e tale area poteva essere raggiunta da due parti: una era un passaggio segreto che si trovava nella Sala del Tesoro, mentre la seconda via era molto più pericolosa, e che doveva essere quella percorsa dal misterioso intruso.

 

Re Richard chiamò dei soldati, e tutti assieme scesero nella Sala del Tesoro. Elizabeth toccò una delle pareti della sala con l’amuleto, e la parete scomparve nel nulla, rivelando una galleria che si perdeva nelle tenebre. Dopo aver fatto scomparire la parete, Elizabeth dette l’amuleto ad Aramil e, prima che entrassero nella galleria, spiegò loro come funzionava l’amuleto: il Primo Sigillo era stato spezzato, quindi la luce era gialla. Se anche il Secondo Sigillo, quello della Cripta di Ventrue, fosse stato spezzato la luce sarebbe diventata rossa. Infine Elizabeth disse che, se la luce fosse diventata nera, dovevano scappare. Aramil, stupitò, chiese spiegazioni, che Elizabeth dette: se la luce diventava nera, voleva dire che il Terzo Sigillo era stato spezzato, e che il Wisterton era nuovamente libero. Aramil dette istruzioni a Krystal, dicendo al suo famiglio di rimanere con i Reali, e di cominciare ad evacuare il castello se l’amuleto diventava rosso.

 

Il gruppo si inoltrò, il più velocemente possibile, nell’oscura galleria che li avrebbe condotti negli alloggi privati di Ventrue. Dopo una ventina di metri videro sul pavimento un simbolo magico, e immediatamente si fermarono. Aramil iniziò ad esaminare il simbolo, e dopo un breve esame giunse alla conclusione che si trattava di un incantesimo protettivo. Dopo aver provato a utilizzare l’amuleto contro il simbolo, non ottenendo nessun effetto, Aramil decise di essere prudente, e di dissolvere l’incantesimo che si trovava di fronte a loro. Quando Aramil lanciò il suo incantesimo, il simbolo scomparve…

 

Proseguirono ancora per alcuni metri, e si trovarono dinanzi ad un muro. Aramil avvicinò allo stesso l’amuleto, causando la sparizione del muro. Dinanzi a loro si trovava uno studio, un tempo lussuoso, ma ora rovinato dal passare dei secoli. Al centro della stanza si trovava una scrivania, che in giorni migliori doveva essere splendida, mentre un divanetto occupava il lato accanto all’uscita del passaggio segreto. Lungo le pareti si trovavano degli scaffali, contenenti libri e altri oggetti, impolverati. Davanti a loro si trovava una porta, mentre sulla loro destra una scala scendeva nelle tenebre. Le ragnatele e la polvere erano ovunque.

La contemplazione della stanza durò poco, poiché dei ringhi attorno a loro attirarono la loro attenzione. Da dietro a vari mobili sbucarono otto orrende creature umanoidi, che li osservavano mostrando le zanne sbavanti. Già una volta ebbero a che fare con questi mostri, sempre a Free Haven: GHOUL!

 

Il Wisterton 3ultima modifica: 2010-08-16T09:00:00+02:00da paolo61175
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento